.

  per la sinistra.it( 2003)

       che mille gocce diventino un fiume

PACE,  DIRITTI,   INFORMAZIONE,     DEMOCRAZIA E PARTECIPAZIONE

HOME CHI SIAMO FILMATI AGENDA CONTATTI LINKS
. . . . . .
.

SIGNA 

.

SIGNA LA NUVOLA NERA

.

 INQUINAMENTO 2010

.

INQUINAMENTO 2009

.

INQUINAMENTO 2008

.

INQUINAMENTO 2007

.
INQUINAMENTO 2006
.

INQUINAMENTO 2005

.

CONSIGLIO COMUNALE

dal giugno 09

.

CONSIGLIO COMUNALE 2004/09

.

ATTIVITA' CONSILIARE

.

VERBALI CC

.

LEGGI E REGOLAMENTI

.

COMUNICATI STAMPA

.

STAMPA 2008

.

STAMPA2007

.

STAMPA2006

.

STAMPA 2005

.

STAMPA2003/4

.

SIGNA NOTIZIE

.

 NOBEL

.

  RENAI

.

VIABILITA'

.

PARCHEGGI

.

1

.

1

ARTICOLI

.

 Area Sinistra Toscana

.

un ponte fra ..

.

una nuova TV

.

 

.
 
.

 

.

 

.

 

 

Consiglio Comunale - martedì 10 giugno 2008 alle ore 20:30  (5/08-68^ seduta)

p. 8) - Urbanistica. Surroga membro dimissionario della Commissione Urbanistica Comunale.

STELLACCI E LA SCIVOLATA DI RIFONDAZIONE

LA DISSOLUZIONE DELL’“ARMATA BRANCALEONE”

I CITTADINI ABBANDONATI DAI PROPRI RAPPRESENTANTI

LIBERI DAI PARTITI PER CAMBIARE

1° Intervento di Fiaschi Marcello

avevamo PREANNUNCIATO di spendere le nostre energie nel confronto sulle proposte e i progetti per il nostro paese, senza polemizzare, ma, se chiamati in causa, rispondiamo a chi costruisce menzogne, con i Fatti, non con le solite CHIACCHIERE.

Il 20.05.’08, ore 09.59, è stato inviato il nostro comunicato stampa:

«STELLACCI e la SCALATA di RIFONDAZIONE».

Molto dettagliato, che iniziava cosí: «A luglio 2004, il segretario del Prc signese, l’architetto Stellacci, voleva entrare in due commissioni: edilizia e urbanistica. I 4 consiglieri della sinistra signese elessero Stellacci (Prc) nella commissione edilizia, e Draghi (Prc) nella commissione urbanistica; non sappiamo chi informassero, ma si sono sempre rifiutati di farlo con chi li ha eletti». In data 20.05.’08, ore 14.53 (meno di 5 ore dopo), il Comune di Signa ha avuto le dimissioni di Draghi dalla Commissione urbanistica, con lettera inviata dalla dirigenza del Gruppo consiliare del Prc di Firenze, in fretta e senza consultare i rappresentanti. Non è una comunicazione, ma una lettera polemica, “di pancia”, che, arrampicandosi sugli specchi, cerca di confondere le acque della sconfitta del commissario non eletto arch. Francesco Stellacci, segretario del Prc di Signa, agente immobiliare, proposto da «Listaperta».

I FATTI: L’ex commissario Francesco Draghi, proposto dai membri della coalizione ed eletto il 28.07.’04 da 4 consiglieri, non li ha mai informati. Alle richieste di confronto aveva dato disponibilità, pur in disaccordo con Stellacci, ma tutto finí prima di cominciare. Il 17.02.’05, presso la sede del Prc al Circolo Donizetti (ora chiusa e inutilizzata), terminò subito una riunione della coalizione; Stellacci, che aveva avviato contatti personali con il segretario Ds, dopo poche battute disse: “ci siete riusciti a fissare la riunione per il 22 febbraio con Luca Ragazzo (Verdi) e Sandro Targetti (Prc), per discutere le osservazione Nobel, ma qui comando io, non ho bisogno di nessuno”, e CI BUTTÒ TUTTI FUORI, compresi Draghi e Catarzi.

Rifondazione aveva aperto ai movimenti e alle richieste dei cittadini per portare avanti le rivendicazioni emergenti nella società, ma, incassati i voti, al suo interno poche persone, e senza apporto degli elettori, decisero il percorso di inserirsi nel potere locale e di recitare al governo, schiacciando il confronto e i propri iscritti. Rifondazione si è chiusa, ha isolato alcuni dirigenti, si è allontanata dai propri sostenitori. Chi è rimasto, come Draghi e Targetti, ha dovuto accettare l’allineamento imposto dagli stalinisti del partito.

Ormai Rifondazione è morta: a Signa non esiste, in Consiglio comunale non c’è, perso ogni contatto con i 4 consiglieri eletti. Ogni tanto si sentono alcune voci degli ultimi residui da S. Mauro, rappresentati dall’architetto Stellacci. Anche i recenti contatti dell’alleanza elettorale «L’Arcobaleno», sono sfumati: Stellacci preferisce i fedeli e allontana chiunque potrebbe dire qualcosa di altro.

Nel Prc hanno capito che non c’è alcuna alternativa: nelle elezioni di aprile a Signa «L’Arcobaleno» (3 partiti e Sinistra democratica) ha preso 451 voti, il 4,47%, insufficienti anche per 1 solo consigliere comunale. Senza altro da perdere, provano di tutto e cercano di imbrogliare, con MENZOGNE SU MENZOGNE. Stellacci ha inviato il comunicato al Prc di Firenze, da dove è andato a tutta la lista dell’elenco provinciale, con la falsità che i consiglieri della sinistra, ex alleati, avrebbero preferito votare il nome proposto dal consigliere Giorgetti. Perfino Draghi divulga notizie false, dicendo che Catarzi ha votato il progetto Fossi.

I sostenitori e uditori riportino le notizie vere. Sono mesi che a S. Mauro suonano le campane per l’“alleanza brancaleone”. Il 25.01.’08 Stellacci ci ha telefonato dicendo: “Catarzi lo butto fuori, in Consiglio non ho piú nessuno. Va massacrato! Bisogna attaccarlo”. E poi: “sono già in campagna elettorale, farò un lista con …” – il nome di un consigliere di «Listaperta». Che abbiamo avvisato, per correttezza, se fosse autorizzato a farne il nome.

IL RISULTATO: Draghi si dimette, Stellacci si fa proporre da Coltelluccio, l’“armata brancaleone” si spacca e prende 2 voti. C’è chi crede ancora di trovare consenso tentando di screditare gli altri, ma non funziona piú. E fino alle elezioni avremo centinaia di chiacchiere e manovre vecchie e inutili, che porteranno RIFONDAZIONE ALLA DISSOLUZIONE. Non si sa se il Prc riuscirà a raccogliere le firme per la lista, ma, questa volta, si spera che STELLACCI SI PRESENTI CON LA PROPRIA FACCIA e con i suoi veri sostenitori.


Siamo dispiaciuti che certe persone scambino la trasparenza con la riservatezza: le riunioni politiche devono essere tutte aperte e senza segreti. Chi è impegnato pubblicamente e rappresenta gli elettori non deve fare intrighi di corridoio. E siamo delusi di quanti occultano con l’appartenenza alla sinistra le responsabilità di chi l’ha distrutta.

 

LA NEONATA “ARMATA BRANCALEONE”,

DOPO LA SCIVOLATA DI RIFONDAZIONE,

SENZA CONTRIBUTI E SENZA PENSIONE,

ANDRÀ BEN PRESTO IN DISSOLUZIONE.

Marcello Fiaschi - SIGNA (FI) – Web Master www.perlasinistra.it - E-mail : info@perlasinistra.it - Capogruppo del gruppo consiliare «UNIONE PER LA SINISTRA» - E-mail: marcello.fiaschi@tin.it – Cell. 347 4080170.

p.8) Urbanistica - Surroga membro dimissionario della Commissione Urbanistica comunale - dalle ore 23,36 alle ore 01.41

Consiglio Comunale - martedì 10 giugno 2008 alle ore 20:30  (5/08-68^ seduta)

Riceviamo e pubblichiamo volentieri sul sito www.perlasinistra.it la LETTERA FIRMATA «I COMPAGNI DEL P.R.C. DI SAN MAURO A SIGNA»

 

Mi complimento con il consigliere comunale Fiaschi Marcello per l’arringa di accuse polemiche,ingrate,false,offensive e vaneggianti rivolte al segretario di rifondazione comunista Francesco Stellacci e ai COMPAGNI COMUNISTI del P.R.C. di San Mauro.Porsi delle domande su come mai Fiaschi sia stato cacciato e’ naturale, ma le risposte ce le ha date lo stesso consigliere con le sue elugubrazioni(ultima quella fatta durante il consiglio comunale il 10-06-08).

Questa lettera non e’ comunque per difendere il segretario Stellacci , ma per controbattere le accuse e le offese fatte durante il consiglio comunale ai compagni di San Mauro e al P.R.C.!

Informo “l’esimio” Fiaschi che non siamo un gruppo di 3 o 4 fedelissimi burattini alla merce’ di un segretario manovratore,ne siamo ,come ora usa dire,un armata brancaleone,ma bensi siamo un gruppo compatto con la voglia ancora di combattere e lottare sia contro i poteri forti sia contro i falsi compagni.Non siamo dei residuati ne siamo ,come ha detto il corriere Fiaschi,distrutti;noi dalla sconfitta ci stiamo rialzando piu’ forti e compatti,piu decisi e piu’ propositivi sui fatti e le vicende che riguardano i cittadini signesi.

A chi ci sta’ ,con parole e mensogne,remando contro per interessi o protagonismo diciamo di guardarci,ascoltarci e temerci.

Piccolo riferimento a Catarzi che e’ uscito dal P.R.C. di sua volonta’ e non cacciato,come ancora in maniera falsa e faziosa a tuonato Fiaschi,e per di piu ‘dico che e’ uscito virtualmente visto che era l’unico fra tutti noi a non avere fatto il tesseramento.(sig Fiaschi si informi bene)

Concludo dicendo che dopo aver letto il sapiente monologo fatto al consiglio e riportato sul sito non ho trovato scritto cio’ che il consigliere aveva detto (forse quelle parole le ha dette perche ci ha visto li’ presenti)su noi compagni di San Mauro.

Se vuole il signor,corriere,consiliere,ma non compagno Fiaschi Marcello e’ invitato al circolo S.O.R.M.S. di San Mauro per confrontarsi con il partito in maniera del tutto civile e costruttiva e per prendere atto di cio’ che di altamente inesatto ha proclamato!!

Porgiamo al consigliere di per la sinistra i nostri cordiali saluti invitandolo a fare opposizione contro la maggioranza e non contro chi lo ha messo li ed a domandarsi come mai il nostro candidato Stellacci ha preso due voti mentre Dinatale ha preso il consenso quasi unnanime da quel palazzo che Fiaschi dice di voler buttare giu (con foto gia’ pronta da pubblicare)!!!!

 

p.s.sig. Fiaschi ,se come professa, lei e’ altamente democratico la invitiamo a pubblicare sul sito questa nostra risposta

I COMPAGNI DEL P.R.C.

DI SAN MAURO A SIGNA

12.06.08

Abbiamo pubblicato volentieri sul sito www.perlasinistra.it la LETTERA FIRMATA «I COMPAGNI DEL P.R.C. DI SAN MAURO A SIGNA» per i seguenti motivi:

 

1) - Accogliamo l’invito, espresso in questa lettera, presso il circolo S.o.r.m.s. di San Mauro per un confronto del tutto civile con il P.r.c.. Ne siamo felici, perché ciò permetterà di dimostrare finalmente che quanto è stato detto è la verità. Nell’occasione i compagni del P.r.c. di San Mauro potranno sciogliere i dubbi e magari venire a conoscenza di molte altre “questioni interessanti”, che si è ritenuto di rendere pubbliche. Vi saranno altri compagni a confermare quanto i sopra indicati ignorano, e ad aggiungere altro ancora in merito.

La serata può essere programmata e organizzata da subito, e chiunque può essere invitato - e naturalmente non può mancare il segretario di Rifondazione signese, Francesco Stellacci. Possono essere invitati anche altri compagni, presenti alle iniziative comuni, organizzate negli ultimi anni, avvertiti e preoccupati del percorso che il P.r.c. stava intraprendendo.


2)- Accogliamo l’invito a pubblicare questa lettera non tanto per voler essere considerati «altamente democratici», ma per la semplice constatazione che la richiesta appare onesta e lontana da sottesi e contorti propositi. Purtroppo, a noi consiglieri della sinistra non è stata concessa la medesima possibilità, a causa della falsa informazione espressa nel comunicato sul voto nella seduta consiliare del 12 maggio 2008, inviato ai destinatari del P.r.c. di Firenze. Non ve ne chiedete il motivo?

 

3)- Accogliamo l’invito, chiedendo ai compagni del P.r.c. di San Mauro di leggere su questo sito, possibilmente prima dell’incontro, Voglio partecipare, in silenzio non è possibile. Il documento è stato inviato il 6 giugno 2005 a tutti rappresentanti della coalizione di sinistra, compresa la segreteria provinciale del P.r.c. Ma Rifondazione chiuse il dialogo e il confronto: il significato della perdita dei contatti con i 4 consiglieri a Signa - e ciò è avvenuto ed è in atto anche altrove - si è palesato in quella sconfitta della sinistra che la storia recente ci ha riservato. Non ve ne chiedete il motivo?

 

La sinistra è stata sconfitta, stiamo attraversando un momento molto difficile, e i «poteri forti», data la potenza dei mezzi a loro disposizione, faranno arretrare i diritti, a suo tempo acquisiti con duri sforzi e lotte, delle fasce sociali piú deboli e sfruttate - i responsabili dovrebbero prenderne atto, anziché continuare a condurre manovre controproducenti e fare discorsi fuorvianti e falsificanti.

Siamo pienamente convinti che non troveremo punti comuni di lavoro e iniziativa: troppe cose ci dividono - molte anche al di sopra delle nostre individuali volontà. Invitiamo, perciò, ognuno a spendere almeno le proprie energie nell’approfondimento delle tematiche e nel confronto su proposte e progetti per il nostro paese. Abbiamo tutti delle responsabilità, e noi riteniamo di conoscere molte “cose”, dato il ruolo che svolgiamo - e anticipiamo che quanto sta accadendo deriva da un complotto molto articolato.

Marcello Fiaschi

e i compagni del Gruppo

«PER LA SINISTRA»

16.06.08

 
 

 

 per la sinistra