.

  per la sinistra.it( 2003)

       che mille gocce diventino un fiume

PACE,  DIRITTI,   INFORMAZIONE,     DEMOCRAZIA E PARTECIPAZIONE

HOME CHI SIAMO FILMATI AGENDA CONTATTI LINKS
. . . . . .
.

SIGNA 

.

SIGNA LA NUVOLA NERA

.

 INQUINAMENTO 2010

.

INQUINAMENTO 2009

.

INQUINAMENTO 2008

.

INQUINAMENTO 2007

.
INQUINAMENTO 2006
.

INQUINAMENTO 2005

.

CONSIGLIO COMUNALE

dal giugno 09

.

CONSIGLIO COMUNALE 2004/09

.

ATTIVITA' CONSILIARE

.

VERBALI CC

.

LEGGI E REGOLAMENTI

.

COMUNICATI STAMPA

.

STAMPA 2008

.

STAMPA2007

.

STAMPA2006

.

STAMPA 2005

.

STAMPA2003/4

.

SIGNA NOTIZIE

.

 NOBEL

.

  RENAI

.

VIABILITA'

.

PARCHEGGI

.

1

.

1

ARTICOLI

.

 Area Sinistra Toscana

.

un ponte fra ..

.

una nuova TV

.

 

.
 
.

 

.

 

.

 

 

Consiglio Comunale  -  martedì 9 gennaio 2007 (1/07 - 42^ seduta) -

3° Consiglio comunale straordinario richiesto da tutte le opposizioni, art. 39, comma 2, D.lgs 18/08/2000, n. 267- entro 15 giorni - prot. n. 24404 del 29.12.06.

LA VIABILITA' A SIGNA E LE MISURE DA INTRAPRENDERE PER TUTELARE I CITTADINI DAL CAOS DEL TRAFFICO INQUINANTE E PERICOLOSO ALLA SALUTE.

Intervento del consigliere Fiaschi Marcello–Capogruppo del Gruppo Consiliare Unione per la Sinistra - Consiglio comunale del 09.01.07–42^ seduta/p.5–1^/07 –

Per perseguire il seguente obiettivo:

1) che l’Amministrazione comunale prepari uno studio che valuta con attenta circospezione la problematica traffico e urbanizzazione.

Intervento del consigliere Fiaschi Marcello–Capogruppo del Gruppo Consiliare Unione per la Sinistra - Consiglio comunale del 09.01.07–42^ seduta/p.5–1^/07 –  

Nel corso di questa legislatura, i consiglieri della minoranza e/o opposizione si sono avvalsi di richiedere la convocazione straordinaria del Consiglio comunale.

Questa è la terza volta, a dimostrazione che la responsabilità delle minoranze va oltre il ruolo di controllo, delle diversità delle idee e delle posizioni. Si evidenzia ancora una volta che la maggioranza che vinse le elezioni nel 2004 non è qualificata e non è riuscita a governare le contraddizioni di un programma che non ha rispettato e ha sfiduciato i propri elettori. Si evidenzia quanto noi abbiamo sempre sottolineato e scritto prima della campagna elettorale. Gli elettori sono stati traditi e ingannati dai propri rappresentanti e da un libro di sogni e di menzogne.

Altrettante interpellanze e mozioni sono state presentate dai gruppi di minoranza sui temi della viabilità, della salute e sullo sviluppo urbanistico del nostro paese sempre più incompatibile col territorio e per una migliore qualità della vita dei cittadini. Purtroppo alle nostre richieste e alle nostre proposte non sono seguite le risposte dell’Amministrazione. Quando la politica non sa rispondere alle speranze dei cittadini, si apre un vuoto incolmabile; quando la politica va contro le norme e direttive emanate dalla medesima, si assiste al fallimento e si aprono le maglie di un vuoto delle istituzioni, vengono alla luce le responsabilità dei partiti, e dell’incapacità dei rappresentanti a svolgere il proprio ruolo in un paese democratico. Nelle settimane passate le pagine dei giornali hanno dato ampio spazio alle vicende che hanno visto indagati il Presidente della Regione toscana, l’assessore all’ambiente, il nostro Sindaco, l’assessore all’ambiente e i sindaci e assessori dei comuni limitrofi. Gli amministratori non hanno impedito lo smog. Un reato gravissimo per un amministratore, quello di aver avvelenato l’aria della città. E’ il nostro paese il primo in classifica, in una graduatoria non augurabile.  Il livello delle polveri sottili ha superato i limiti di legge. Abbiamo appreso ancora una volta che mettere al bando le auto non catalizzate è soltanto una questione commerciale per le vendite e non per diminuire l’inquinamento. Si legge ancora una volta che l’Euro 4 diesel produce polveri sottili 8 volte di più di una Euro 0. Occorre invertire la rotta e programmare un nuovo sistema di sviluppo, anziché obbedire alle richieste dei sostenitori del consumismo che traggono i profitti a danno della salute della collettività. E’ ormai chiaro che non esistono differenze di fondo negli schieramenti che si alternano a governare. Siamo di fronte a una “classe politica” che si alterna nella continuità del potere e in modo vergognoso gestisce le voci a favore delle scelte ecologiche con ampia e rumorosa campagna pubblicitaria, ma riducendola a voce minoritaria e senza alcuna inversione di tendenza.   

Noi abbiamo portato a conoscenza il Consiglio comunale nella 35^ seduta del 26.06.06, prima che intervenisse la Magistratura, e abbiamo contribuito invitando l’amministrazione a recepire le direttive europee in materia. Siamo delusi delle posizioni assunte dai rappresentanti delle istituzioni che si sono permessi di respingere le accuse considerandole tempo perduto, anziché rispondere responsabilmente con un “Piano di risanamento” come sollecitato dalle direttive stesse, a partire dal 1996. Prima con una direttiva quadro, la 96/62, una specie di avviso appunto, con il quale l’Europa ci diceva - cominciate a organizzarvi per ridurre l’inquinamento atmosferico. Noi ci mettiamo 3 anni per recepire la direttiva, e lo scriviamo pure nel decreto legislativo 351, nell’art. 7, che sono le regioni a dover individuare le zone dove gli inquinanti superano la soglia di rischio per la salute e fare dei piani per combattere il rischio. Poi ne segue un’altra di direttiva, la 1999/30, e se la prima diceva cominciate a organizzarvi, questa ci dice fate. Le indicazioni sono precise: elenco di inquinanti, soglie di rischio e date di rientro.
La più vicina è del 1 gennaio 2005 per il biossido di zolfo e le particelle, il Pm10. La porzione più dannosa per l’uomo, quella inalabile. Per intenderci quella che entra nell’organismo e non riusciamo più a cacciare via.

Le regioni italiane non hanno presentato il piano di risanamento della qualità dell’aria al 31 Dicembre 2003 secondo la Direttiva europea 99/30.
E’ per questo che la commissione ha cominciato una procedura di infrazione che si chiama messa in mora a luglio 2004.

Sono previste multe da pagare da oltre 20 milioni di euro ma sembra prevalere questa condizione considerato che finanziare i Piani di risanamento dell’aria ce ne vogliono molti di più. Così la salute delle persone passa in secondo piano.
L’allarme delle polveri sottili, Pm10 è alle stelle. I sindaci delle città, hanno anche la responsabilità penale della salute dei cittadini, e non serve a niente bloccare il traffico con le targhe alterne. Abbiamo capito che fermare il traffico qualche giorno l’anno succede poco e niente. L’assessore MORELLI, ci informò che nel 2005, abbiamo avuto 130 sforamenti e disse: - Anche se si supera 35 giornate durante l’arco dell’anno, come ci impone la Comunità Europea, noi non la possiamo chiudere, perché è considerata un’arteria. Cioè, le arterie sono strade che non possono essere chiuse, abbiamo contribuito con la chiusura agli Euro 0, abbiamo contribuito con gli incentivi per l’acquisto di auto nuove e trasformarle a gas con 47.000 euro nel 2005 e 37.000 per il 2006. Poi ci ha detto - che annaffia via Roma da piazza Cavallotti ai Capitelloni.

Forse questa amministrazione intende risolvere l’inquinamento con queste soluzioni e non con un Piano di risanamento. Forse è necessario l’intervento dell’assessore all’urbanistica, ormai “molto discusso” per confondere il “Piano di risanamento” con un “Piano strategico per aumentare l’urbanizzazione” trasformando il nostro paese in una città caotica.

Se parliamo di viabilità, dobbiamo constatare che siamo penalizzati soprattutto da un solo ponte e la zona della Costa è la più inquinata e invivibile.

La continuità amministrativa si è dimostrata un disastro, non ha preso il treno giusto quando le Ferrovie dello Stato potevano farsi carico della costruzione di un ponte per risolvere i problemi della circolazione urbana.

Qui si sono concentrati i maggiori interventi urbanistici e questa è la questione primaria che deve essere presa in considerazione. Qui si parla di amministratori indagati senza mettere in relazione l’incapacità, l’incompetenza, e le vere ragioni di una scelta scellerata e irresponsabile di questa amministrazione. L’urbanizzazione della Costa e del Centro storico di Castello sono il fallimento di questa giunta e dovrebbero determinare le dimissioni del sindaco, della giunta e del gruppo consiliare dei Ds in blocco. Il nostro Comune rimane quello più penalizzato e emerge pertanto che quando sarà completata la Bretella il traffico urbano continuerà a rendere impossibile la viabilità a Signa e impossibili le misure da intraprendere per tutelare i cittadini dal caos del traffico inquinante e pericoloso alla salute.

Ma esiste un’ulteriore contraddizione, i sindaci interessati dicono che le emissioni dannose sono da imputare alle autostrade e così ognuno difende il proprio orto senza risolvere alcunché. A Signa i nostri amministratori non sanno più cosa rispondere, ma il nostro paese è la pecora della piana, della provincia, della regione. 

La risposta del Vice Sindaco CRISTIANINI all’interpellanza presentata il 24.05.06 e discussa nella seduta consiliare del 12.10.06, deliberazione n. 65 presentata dal sottoscritto, Consigliere Marcello Fiaschi, avente per oggetto: “Viabilità interna: variante a via Santelli”, ci disse:

- Comunque io credo che i cittadini non si debbano sentire sfiduciati, devono avere fiducia in questa Amministrazione, e pazienza, io credo che debbano avere anche pazienza, la pazienza è la virtù dei forti e credo che la virtù dei forti alla fine otterrà io credo quanto prima delle risposte concrete.

Nella medesima seduta è stata discussa la mozione presentata dal nostro gruppo consiliare “Unione per la sinistra” e le risposte dell’Amministrazione sono state deludenti. Segue la risposta dell’Assessore DONNINI - mi preme sottolineare una cosa cioè l’Amministrazione Comunale è seriamente impegnata e abbiamo praticamente incontri settimanali per cercare di capire la soluzione quale possa essere, e noi siamo impegnati perché vogliamo che questa strada possa arrivare fino a Ponte a Signa.

Io dirò una cosa, la dico sempre provocatoriamente, se fosse necessario anche il campo sportivo, sarei anche per sacrificare anche il campo sportivo, ma lo so che è una provocazione e che non sarà mai così, però rispetto a questa cosa qui il nostro obiettivo è quello di dare delle risposte alla gente, e non di dire no, no, no.

Concludo la parte del mio primo intervento, per procedere successivamente alle proposte, dicendo che questa amministrazione è stata soltanto un vero fallimento.

 

 

---------------------------------------------------------------------------

2° intervento:

Ho concluso il mio primo intervento, dicendo - questa amministrazione è stata soltanto un vero fallimento.

 

VIABILITA’ : AVETE FALLITO

Sono stati presi impegni e non sono stati rispettati, siamo in coda continua.

TRASPORTO PUBBLICO : AVETE FALLITO

Il pessimo servizio di collegamento con l'esterno del paese. Andare a Firenze, per esempio, con il bus  è una odissea.

VERDE PUBBLICO: AVETE FALLITO

Tante case e pochi giardini fruibili per i bimbi.

AREA NOBEL: AVETE FALLITO 

Avete raccontato la favola dei 3000 posti di lavoro, avete speso tanti soldi dei cittadini e li avete ingannati.

Elenco, in sintesi, anche dove siete riusciti ad ottenere i vostri obiettivi con la repressione:

 
VISIONE DEGLI ATTI: AVETE VINTO CON LA REPRESSIONE

Siete la pecora nera e l’unico comune che consegna gli atti 2 giorni prima del CC

COMMISSIONI CONSILIARI : AVETE VINTO CON LA REPRESSIONE

Siete la pecora nera e l’unico comune, con l’ordine ai consiglieri di votare contro

COMMISSIONE REDAZ. REGOLAMENTO COMUNALE: AVETE VINTO CON LA REPRESSIONE

Dopo 7 sedute l’avete insabbiata e annullata. 

COMMISSIONE EDILIZIA: AVETE VINTO CON LA REPRESSIONE

Siete la pecora nera e l’unico comune con l’Assessore all’urbanistica Mariotti che partecipa alle riunioni delle commissioni. Vedi sentenza Tar Piemonte.

LOCALI PER I GRUPPI CONSILIARI: AVETE VINTO CON LA REPRESSIONE

Siete la pecora nera e l’unico comune dove non ci sono i locali per i consiglieri.

TRASPARENZA E ACCESSO IN RETE: AVETE VINTO CON LA REPRESSIONE

Siete la pecora nera e l’unico comune dove non vengono messi gli atti in rete.

URBANIZZAZIONE SELVAGGIA: AVETE VINTO CON LA REPRESSIONE

Siete la pecora nera e l’unico comune dove avete concesso le licenze nelle zone più inquinate favorendo soltanto gli imprenditori che hanno chiuso le aziende e siete la maggioranza grazie al 16% dei voti ottenuti dalla finanza locale e dalla rendita fondiaria.

-Non avete tutelato i cittadini dal caos del traffico, anzi siamo giunti a 124 SFORAMENTI + quelli n.d. (non disponibili e non rilevati).

- Soluzione del proseguimento via Arte della Paglia, in realtà non è andato avanti anche per le divergenze interne alla maggioranza.

- La soluzione del proseguimento di via Arte della Paglia, non sarà nella testa di qualcuno come il proseguimento dell’urbanizzazione di via Arte della Paglia. E’ una sfida aperta e non sostenibile.

- Vorrei ricordare che nel 2004 siete stati eletti amministratori, ingannando i cittadini, non come un’impresa di muratori.

-  La situazione è insostenibile, di assoluta emergenza: ci sono persone che hanno acquistato un’appartamento a Signa per fuggire dal caos della città fiorentina e durante il viaggio interminabile di una coda continua da via dei Colli a Via Roma hanno deciso  di vendere e anche di svendere.

- Nell’ultima seduta del 19 dicembre ho accennato che la richiesta di dimissioni dell’assessore Mariotti protocollata dal gruppo Continuiamo Insieme era una questione interna alla maggioranza; ma oggi riguarda tutti. E’ una crisi che non può sboccare verso soluzioni interne e tanto meno da appoggi esterni, di stampelle, di zeppe per rimandare il malato terminale. E’ irreversibile e potrebbe coinvolgere, senza successo, altri eventuali soccorritori che potrebbero rischiare e perdere la fiducia dei propri sostenitori. La ciambella non è stata omologata per le poltrone, è sgonfia e pericolosa.

- E’ di stamattina una battuta del Vice sindaco – tanto se si va a casa, si ritorna – All’assessore Cristianini, rispondo – non si tratta di andare a casa, ma di tornare in Consiglio, questa volta all’opposizione – noi faremo subito le commissioni consiliari e quelle dei cittadini, così potremo misurarci sulle idee, sulle proposte, sui progetti e non sull’arroganza e la repressione. Voi oggi partite dal 16% e se avete il tempo di riflettere, ci darete perfino il consenso del voto e della preferenza per imparare come si governa.         

– Nel paese la gente ti ferma…..non ne può più, non si sente rappresentata …..

 

L’attuale legislatura sarà ricordata come la peggiore, ma finalmente i signesi potranno liberarsi dei temporanei avventurieri e smascherare definitivamente un gruppo di potere anomalo che ha distrutto il nostro paese.

Il dibattito che è stato al centro delle sedute del Consiglio comunale, nonostante le resistenze e la repressione esercitata da pochi addetti è vivo nel paese e questa maggioranza è ormai debole e divisa, è giunta alla dissoluzione. Ai ripetuti annunci e alle continue rassicurazioni non sono seguite le risposte e si è aperta una crisi irreversibile e un fallimento. Non siamo certamente contenti per i danni che avete recato al nostro paese ma siamo consapevoli che la vostra presenza e permanenza è assai peggiore e ogni giorno che passa è una pericolosa condizione che porta alla rovina. La gente non ne può più, è disgustata e saprà liberarsi dalle vostre catene.

Avete esagerato e sarete cacciati. Questo è un ulivo di cemento e non ci rimane che dirvi: MANDIAMOLI A CASA.         

Non rimane che presentare una mozione di sfiducia per dare ai cittadini la libertà di scegliere i propri rappresentanti per ridare a questo paese il governo che merita. Nel pieno rispetto delle diversità di idee e di progetto, ritengo porre a tutti i gruppi e tutti i consiglieri una seria e approfondita riflessione. La presente proposta scaturisce da una attenta e responsabile condizione che è maturata nell’ultimo periodo e vuole ridare la fiducia ai cittadini. Ulteriori dubbi possono riservare eventuali brutte sorprese.

QUESTA AMMINISTRAZIONE NON HA CONSENSO NEL PAESE, E’ DEBOLE E DIVISA IN CC.

 

LA SITUAZIONE VENUTA A CREARSI NELL’ULTIMO PERIODO E’ INGOVERNABILE.

 

L’AMMINISTRAZIONE BAMBAGIONI che nell’ultimo periodo aveva alcuni problemi,  ora si ripropone , qualcuno sente la malinconia. Bambagioni non è uomo di sinistra, ho preso posizione senza alcuna riverenza, abbiamo divulgato il volantino BAMBAGIONI DOC e altri comunicati stampa.

BAMBAGIONI SAPEVA GESTIRE L’AMMINISTRAZIONE, IO NON HO MAI CONDIVISO LE SCELTE, MA HO SEMPRE RICONOSCIUTO LA CAPACITA’ AMMINISTRATIVA E GESTIONALE. Lui non è di sinistra, ma non crederete di essere voi di sinistra. Voi avete preso i consensi perché Bambagioni ha deciso di fare un cambio per questa legislatura, anche se non pensava cosa sarebbe accaduto in questa legislatura.

VOI NON SIETE NESSUNO e in qualsiasi momento, Bambagioni o come voi volete, Paolo,  può decidere e determinare il numero dei consiglieri Ds, può decidere e determinare la propria supremazia e la vostra dipendenza, può decidere e determinare la vostra disfatta.

Noi non siamo interessati ad entrare in questa amministrazione e neanche nell’Unione, ma intendiamo parlare con  titolari e non con rappresentanti temporanei, ci vogliamo confrontare con chi comanda e non con rappresentanti che non riescono a tenere una linea e una maggioranza. Voi sapete soltanto alzare la mano dopo le decisioni di pochi e in stanze chiuse. Voi siete a carico e non sapete cosa fare. Voi consumate le vostre limitate energie nelle feste del cioccolato e soltanto per cercare di isolare chi non la pensa come voi e vi siete isolati dai cittadini e perfino dai vostri elettori. Avete determinato con la vostra arroganza soltanto divisioni e litigi, e vorreste mettere in gabbia i consiglieri della lista civica della Margherita che da molti anni sono in CC. Voi volete fare il gruppo unico per farli prigionieri e in minoranza nella maggioranza. C’è una differenza: non è in vendita la classe e la competenza. Voi non sapete gestire niente.

Voi siete un gruppo di disgregazione e se non vi dimettete farete soltanto un favore alle opposizioni: ogni giorno che passa perdete i consensi. I Ds hanno abboccato ancora una volta, credono di gestire un’amministrazione e invece non riescono a gestire neanche un corridoio del partito. Ora siete qui a prendervi le responsabilità, a logorarvi, a consumarvi fino a spengervi definitivamente. Ho partecipato alle sedute del Consiglio comunale e ho potuto constatare quanto sto dicendo. Il vostro posto non è qua, manca la maturità, mancano i progetti, mancano le idee e la competenza. Voi siete la vera opposizione di questa maggioranza, voi siete un gruppo che ha distrutto questo paese. Troppi silenzi, troppe riunioni continue e costanti per tentare l’isolamento dei cosiddetti dissidenti invadono le vostre giornate, troppi assensi senza un approfondimento possono amplificare le vostre debolezze e la vostra dissoluzione. Ognuno, deciderà, se vorrà, cosa fare da grande. In molti sono in attesa, ma nel vostro silenzio, la gente mormora. E’ difficile governare anche per una maggioranza con la gente in coda, è una sfida governare con la gente ferma e con l’auto accesa. Non chiedeteci di manifestare per altre strade, altre strade gestite da voi significano fare un’altra città.

 

 

Il Gruppo consiliare Unione per la Sinistra ha presentato la seguente mozione: 

 

Gruppo Consiliare

del COMUNE DI SIGNA

Unione per la Sinistra

 

 

PROT.09.01.2007

n.

 

Al Presidente del Consiglio comunale di Signa

                                      

 

MOZIONE: La viabilità a Signa e le misure da intraprendere per tutelare i cittadini dal caos del traffico inquinante e pericoloso alla salute.

Per perseguire il seguente obiettivo:

1) che l’Amministrazione comunale prepari uno studio che valuta con attenta circospezione la problematica traffico e urbanizzazione.

 

CONSIDERATO

 

-         che la viabilità a Signa risulta una questione di primaria importanza per snellire il traffico e conseguentemente per una migliore qualità della vita;

-         che l’Amministrazione comunale si è impegnata sottoscrivendo nel proprio programma a risolvere le problematiche inerenti l’ottenimento delle autorizzazioni che possano permettere il proseguimento di via Arte della Paglia verso l’attuale Ponte sull’Arno;

-         che il Sindaco e l’assessore all’ambiente del Comune di Signa hanno ricevuto l’avviso di garanzia per non aver impedito il superamento dei limiti di legge delle concentrazioni di polveri fini;

-         che la situazione del nostro comune risulta la peggiore del territorio circostante e una emergenza per il caos del traffico inquinante e pericoloso alla salute;

 
CHIEDONO

 

Il blocco immediato delle concessioni urbanistiche fino a quando l’Amministrazione comunale non ha risolto le problematiche del traffico e altre misure da intraprendere per migliorare le condizioni di salute e vivibilità del nostro paese.  

Gruppo Consiliare Unione per la Sinistra

Marcello Fiaschi - Enrico Fontani

 

La seduta consiliare è stata sospesa 35 minuti (malore Coltelluccio)

chiusura lavori ore 01.40 - il seguente punto è stato rinviato alla successiva seduta.

Consiglio Comunale  -  martedì 9 gennaio 2007 (1/07 - 42^ seduta) -

 

 per la sinistra